Le spaventastreghe sulle ciminiere dell’Aragón

Le spaventastreghe sulle ciminiere dell’Aragón

Oggi su HotFireDoor, specialisti in porte per camini, ti raccontiamo la storia degli spaventastreghe nei camini dell’Aragona. Scopri una storia e una leggenda curiosa e interessante allo stesso tempo.

Cos’è lo spaventastreghe nei camini?

Gli spaventastreghe, noti anche come “guardastreghe” o “salvastreghe“, sono elementi architettonici decorativi e protettivi che si trovano nei camini della regione dell’Aragona. Queste strutture hanno una lunga storia e risalgono al Medioevo, sebbene il loro uso e popolarità abbiano raggiunto il culmine durante i secoli XVII e XVIII.
Gli spaventastreghe sono, in genere, pietre con forme geometriche, come sfere, coni o piramidi, che vengono posizionate nella parte superiore dei camini. Il loro scopo principale è proteggere la casa dall’ingresso di streghe, spiriti maligni e altri esseri soprannaturali. Si crede che queste strutture confondessero e disorientassero le streghe, impedendo loro di entrare nelle case attraverso i camini.

La storia delle streghe che solcavano i cieli nei villaggi dell’alto Aragona

Le leggende popolari parlavano di streghe che salivano sulle loro scope di notte. E che entravano nelle case per fare i loro misfatti. Ovviamente non lo facevano dalla porta, poiché era ben chiusa, ma c’era uno spazio che era sempre aperto in una casa: il camino. Per impedirlo, si iniziò a posizionare gli spaventastreghe.

La credenza nelle streghe e la loro influenza negativa sulla vita quotidiana era piuttosto comune all’epoca, e gli spaventastreghe erano un modo per proteggersi dalla loro presenza. Nel contesto storico e culturale dell’Aragona, gli spaventastreghe simboleggiavano anche la protezione degli abitanti della casa e la prosperità delle loro case.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Porte in vetro termico per camini

Oggi, le spaventastreghe sono considerate elementi architettonici e culturali di interesse nella regione dell’Aragona. Sebbene non si creda più nella loro capacità di proteggere da streghe e spiriti maligni, queste singolari strutture continuano a essere un simbolo dell’identità e della tradizione aragonese.

Come sono le spaventastreghe tradizionali

Le prime di queste trappole erano semplici pietre a forma di croce o figura umana a cui veniva praticato un foro affinché il vento le facesse fischiare. C’è chi parla di un senso mistico nel porre una croce sopra il camino, anche se la verità è che è un pupazzo molto brutto con le braccia aperte, come gli spaventapasseri che si mettono nei campi, con l’idea che “le streghe” non possano entrare in casa.

spaventastreghe

In alcuni luoghi si mettevano brocche di terracotta, in parte per raccogliere acqua, un simbolo di purificazione.

Altri elementi che venivano utilizzati tradizionalmente

Per aumentare l’effetto e impedire che le streghe più audaci riuscissero a entrare, una volta spento il fuoco si lasciavano le tenaglie aperte o si disegnava una croce sulla cenere. Si metteva anche un pupazzo di argilla fatto a mano come difensore dell’ingresso.

Dove si possono vedere spaventastreghe autentici?

Oggi, la consuetudine di terminare con camini l’uscita dei fumi è ancora molto diffusa in molti paesi di Huesca. Alcune case sono state ristrutturate e le forme sono cambiate, mentre altre sono completamente nuove. Se vuoi vedere esempi veri è meglio visitare paesi abbandonati, che conservano l’essenza e la tradizione originali, poiché le case non sono state toccate. Si possono anche trovare in località come Sabiñánigo, Ipés o Panticosa, con diverse forme. A Panticosa vengono posizionate giare a testa in giù, mentre a Jaca vengono posizionate al contrario.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Consigli per la prima volta che utilizzi un caminetto

spaventastreghe

A Pirenarium, un parco tematico dedicato ai Pirenei aperto a Sabiñanigo, sono state costruite 4 repliche delle spaventastreghe classiche. Non sono gli originali, ma è un modo per vederne la forma, oltre a godersi una collezione di miniature e modelli, tra le altre cose.

Camini e leggende, sempre insieme

Potrebbe essere l’effetto del fuoco e l’idea che abbia qualcosa di magico, o l’abitudine di raccontare storie spaventose accanto a un fuoco. Il fatto è che molti miti hanno un camino come elemento. Questo caso è uno dei tanti, anche se bisogna ammettere che è abbastanza curioso e pittoresco.