Come funziona un estrattore di fumo per caminetti

Come funziona un estrattore di fumo per caminetti

Uno dei principali inconvenienti che può avere un camino è che il fumo prodotto dalla combustione si filtri all’interno. Oltre ad essere fastidioso, questo rappresenta un problema di salute, perché la fuliggine e altri residui raggiungono le cavità nasali e entrano nei polmoni, causando affezioni respiratorie, che aumentano se qualcuno ha difficoltà a respirare, come l’asma o un’altra malattia simile.

Per evitare che ciò accada, l’ideale è che il camino abbia un buon tiraggio, anche se non fa mai male avere qualcosa in più come un estrattore, con il quale evitiamo il fumo fuori dal camino e risparmieremo alcuni mal di testa. Vediamo come funziona questo elemento che potrebbe essere necessario.

Cos’è un estrattore di fumo per camini?

Un estrattore di fumo per camini è un dispositivo progettato per migliorare il flusso d’aria e l’estrazione del fumo in un camino. L’obiettivo principale di questo dispositivo è impedire che il fumo e i gas prodotti dalla combustione si accumulino all’interno della casa, garantendo così un ambiente più pulito e sicuro.

Esistono vari tipi di estrattori di fumo per camini, tra cui estrattori di fumo meccanici, statici e aspiratori di fumo:

  1. Estrattori di fumo meccanici per camini: Questi dispositivi funzionano mediante l’utilizzo di un motore elettrico che aziona un ventilatore per creare una corrente d’aria che estrae il fumo e i gas di combustione verso l’esterno. Sono molto efficaci, ma possono anche essere più rumorosi e consumare energia elettrica.
  2. Estrattori di fumo statici per camini: Sono sistemi di estrazione che non richiedono energia elettrica e che si basano sull’effetto Venturi o sulla forza del vento per generare una corrente d’aria che estrae il fumo e i gas di combustione. Di solito hanno un design a forma di cupola o turbina e vengono posizionati nella parte superiore del camino.
  3. Aspiratori di fumo per camini: Sono dispositivi che vengono installati nella parte interna del condotto del camino e utilizzano l’energia generata dalla stessa combustione per creare una corrente d’aria che estrae il fumo e i gas. Questi sistemi sono meno comuni e possono essere più difficili da installare.
TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Per quale motivo esce fumo da un camino?

Il tipo di estrattore di fumo appropriato per un camino dipenderà da fattori come la dimensione e il design del camino, le condizioni climatiche e la qualità dell’aria all’interno dell’abitazione.

Come funziona?

Se hai una cappa in cucina, puoi familiarizzarti con il funzionamento di un aspiratore di fumo per camini. Consiste fondamentalmente in un motore che aspira il fumo per forzarne l’uscita attraverso il camino, anche quando l’aria esterna può causare un ritorno di fiamma (il cosiddetto effetto Venturi), uno dei motivi più comuni per cui si produce fumo all’interno dell’abitazione. Per fare l’estrazione, il motore aziona le pale di un ventilatore ad alta potenza, che canalizza il fumo facendo in modo che l’uscita sia adeguata.

Ci sono anche altri modelli di estrattori dinamici che non hanno bisogno di un motore. Sono costruiti in modo tale che la forza del vento li muova come se fossero un mulino, creando un’aspirazione che migliora la trazione del camino e impedisce al fumo di uscire da dove non dovrebbe.

Ci sono altri modelli, chiamati statici perché non hanno pale né ventilazione, che semplicemente rallentano l’azione dell’aria. È semplicemente una terminazione che viene posizionata alla fine del tubo del camino, anche se in zone con molto vento, potrebbe non essere efficace come dovrebbe.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Quali tipi e modelli di camini esistono?

È necessario installarlo in un camino?

Non tutti i camini richiedono un estrattore di fumo, ma in certi casi, la sua installazione può essere necessaria o altamente raccomandabile per migliorare l’efficienza e la sicurezza del camino. Queste sono alcune delle situazioni in cui potrebbe essere consigliabile installare un estrattore di fumo:

  1. Problemi di tiro: Se il camino non ha un adeguato tiro, il fumo e i gas di combustione possono accumularsi all’interno della casa invece di essere espulsi all’esterno. Questo può essere causato da un camino mal progettato, un condotto troppo corto o problemi di pressione all’interno della casa.
  2. Condensa e umidità: L’accumulo di umidità nel condotto del camino può generare condensa e danneggiare la struttura. Un estrattore di fumo può aiutare a ridurre l’umidità e prevenire problemi associati alla condensa.
  3. Infiltrazioni di aria fredda: In alcuni casi, l’aria fredda dall’esterno può infiltrarsi nel camino e ostacolare il tiro. Un estrattore di fumo può aiutare a risolvere questo problema migliorando l’estrazione del fumo e prevenendo l’ingresso di aria fredda.

Quale estrattore scegliere?

estrattore di fumo,estrattore di fumi per camini,aspiratore di fumo

A seconda della situazione, potrebbe essere necessario avere un modello o un altro aspiratore per fumi. Se si tratta della installazione di un camino nuovo, e il tiro è ottimale, l’area non ha troppi colpi di vento o è protetta da questi, potrebbe essere sufficiente un estrattore statico. Anche se l’ideale sarebbe avere almeno una certa estrazione, dinamica o meccanica, per aumentare l’efficienza del camino. In ogni caso, è consigliabile che il camino abbia sempre un sistema di estrazione dei fumi, oltre a installare uno dei tipi di cappello per camino disponibili sul mercato.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Cosa sono i camini ad acqua e come funzionano?

Ovviamente, non servirà a nulla avere un buon estrattore se il camino non è ben isolato. Per questo, l’ideale è anche avere accessori che ti permettano di mantenere sotto controllo sia il fuoco che il consumo di combustibile. Un buon tiro per eliminare il fumo, oltre a un buon isolamento e una legna di buona qualità, faranno funzionare il tuo camino alla perfezione. Inoltre, la pulizia sarà molto più semplice e la quantità di residui sarà anche minore.