Storia del camino

Storia del camino

Dal scoperta del fuoco, la storia dell’umanità è stata legata a questo elemento in modo molto speciale. Grazie ad esso abbiamo iniziato a cucinare il cibo per renderlo più digeribile, oltre a poter combattere il freddo più intenso. Tuttavia, dal momento in cui si è iniziato a fare un fuoco per terra fino alla caminetto al cinema come la conosciamo oggi, sono passati molti secoli e molte cose. In questo articolo di HotFireDoor vogliamo fare un breve riepilogo di come è evoluta la forma di sfruttare il fuoco per scaldarci.

Dalle origini all’Impero Romano

Come abbiamo già detto, la scoperta del fuoco ha comportato un grande cambiamento. Nelle grotte e nelle capanne si faceva un fuoco al centro per riscaldare tutta la casa, anche se in determinate situazioni, come luoghi con elementi combustibili, capanne di legno e altro ancora, il rischio d’incendio era molto alto.

Pian piano si sono sviluppate forme per controllare il fuoco, come i forni di argilla, dove venivano cucinati gli alimenti e riscaldata la zona. Tuttavia, niente impediva che il fumo potesse intossicare chi si trovava all’interno, poiché c’era solo uno spazio in cui veniva inserita la legna e da cui usciva il fumo quando veniva bruciata.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Qual è la manutenzione ideale per il tuo camino a legna?

I romani perfezionarono un sistema di riscaldamento che canalizzava il fuoco e il calore attraverso tubi posizionati sotto il pavimento e all’interno delle pareti. In questo modo si riusciva ad aumentare la temperatura dell’interno e il fumo veniva mantenuto all’esterno. Veniva utilizzato solo nelle case più agiate, ma rappresentava un grande progresso nell’evoluzione di ciò che oggi è un camino.

Il Medioevo

Dopo la caduta dell’Impero Romano, queste grandi idee sono state dimenticate e si è tornati ai metodi ancestrali (e pericolosi). Un fuoco acceso per terra era il modo per scaldarsi e cucinare, generando rifiuti e facendo respirare il fumo negli spazi in cui si trovavano gli occupanti. Possiamo immaginare perché in quel periodo l’aspettativa di vita fosse così breve.

I più astuti aprivano un buco nel tetto in modo che il fumo potesse sfuggire da lì, riducendo leggermente il pericolo, anche se non era del tutto pratico, specialmente durante i periodi di pioggia. Una delle cose che caratterizzavano le abitazioni nel Medioevo era la quantità di fuliggine che si depositava sulle travi del tetto a causa di questa pratica.

storia del camino

Quando iniziarono a costruire case a due piani, sorse un problema. Non si poteva tenere il fuoco al centro e il fumo doveva uscire. Pertanto, furono costruite strutture lungo le pareti in cui si accendeva il fuoco e il fumo veniva convogliato attraverso un tubo che usciva all’esterno. Era nata la caminetto come la conosciamo oggi.

TAMBIÉN TE PUEDE INTERESAR:
Perché Babbo Natale scende giù per un camino?

Caminetti moderni ed efficienza energetica

Il sistema è cambiato poco da quei tempi, tranne che le porte per caminetti e i sistemi chiusi consentono di sfruttare meglio il combustibile e ottenere un calore costante con minor dispersione di calore.

Abbiamo molto riassunto la storia del caminetto. È interessante conoscere l’origine dei progressi di cui godiamo oggi. Anche se la cosa migliore è poterne beneficiare, come accendere il fuoco e godersi una casa accogliente nonostante il freddo fuori, vero?